blog01Inviateci i vostri contributi (commenti alle serate, apprezzamenti o critiche) cliccando sul titolo della serata o dell’attività e saremo lieti di pubblicarli al più presto. Eventuali foto possono essere inviate per e-mail.

Il 23 maggio il prof. Emilio Speciale, presidente della Dante Alighieri di Zurigo, ci ha lasciati dopo una lunga malattia. Gli rendiamo omaggio ricordandone la figura.

Emilio Speciale, italianista, esperto dell’opera di Giacomo Leopardi, è morto a Zurigo all’età di 63 anni dopo una lunga malattia. L’annuncio della scomparsa è stato dato dal Centro nazionale italiano di studi leopardiani di Recanati (Macerata), di cui è stato socio e collaboratore. Speciale è stato l’editore, direttore e curatore della “Rivista internazionale di studi leopardiani”. Ha curato opere sulla bibliografia leopardiana e il volume “Giacomo Leopardi: estetica e poesia” (Longo, 1992).

Emilio Speciale, dopo la laurea al Dams di Bologna con Umberto Eco, di cui è stato collaboratore, iniziò la carriera accademica come docente assistente al dipartimento di italiano alla Yale University (Usa), insegnando poi come professore all’Università di Chicago dal 1985 al 1993, anno in cui ha ottenuto la cattedra di letteratura italiana al Politecnico federale di Zurigo (ETH).

Emilio Speciale ha fondato la casa editrice Insula e nel 1991 ha dato vita alla rivista di poesia italiana “Novilunio”. Era membro del Centro di Studi Rinascimentali di Ferrara, dell’American Association of Italian Studies ed è stato presidente della Società Dante Alighieri di Zurigo.

 

18698011_1069199549880359_9103565491387191504_n

SCARPA01

Ancora una conferenza di spessore quella che il prof. Scarpa, consulente del Centro internazionale di studi Primo Levi di Torino, ha tenuto lunedì scorso alla presenza di una ventina di soci: una rilettura del capolavoro di Primo Levi, “Se questo è un uomo”, un classico che quest’anno compie 70 anni ma che conserva ancora intatta il vigore espressivo e di testimonianza di un avvenimento storico e tragico di quando fu pubblicato.
La riflessione  di Scarpa era centrata sui noti riferimenti intertestuali di Levi alla Divina Commedia: la detenzione come viaggio nell’oltretomba, l’onnipresenza di Dante a più livelli, la propensione dell’autore a cogliere gli aspetti grotteschi e persino comici del campo di sterminio. Una serata estremamente interessante che speriamo di poter replicare presto con il prof. Scarpa affrontando la lettura di altri capolavori della nostra Letteratura del Novecento.

Alla presenza di una ventina di soci il prof. De Marchi dell’Università di Zurigo  ha ripercorso la carriera letteraria del narratore e poeta leventinese Giovanni Orelli, premio Schiller nel 2012, scomparso a dicembre dell’anno scorso(1928-2016).
Utilizzando un paio di racconti della sua ultima raccolta (I mirtilli del Moléson, 2014) e su alcuni dei suoi testi poetici, dai sonetti di Né timo né maggiorana (1995) ai versi di un volumetto come Frantumi (2014),  il prof. De Marchi ci ha accompagnati alla scoperta di questo – come Orelli stesso si definiva scherzosamente – “contadino che ha studiato”, del poeta e narratore apparentemente ossessionato dai ricordi di personaggi , piante, odori, emozioni, colori della sua infanzia leventinese, un “montanaro” in possesso di una sterminata cultura che lo aiutava a cavalcare la lingua e il dialetto con vitalità e leggerezza ma soprattutto con maestria critica e libertà intellettuale.

IMG_1740

Il prof. De Marchi con il nostro presidente, Manlio Sorba